Beep beep boop

Beep beep boop… beep beep boop… caricamento frammenti di 6 mesi di post arretrati in corso…

Esisterà una parola al giorno per descrivere questi mesi? 180 parole saranno sufficienti?
180 giorni di idee, abbracci, schizzi su tovagliolini da bar appallottolati e finiti chissà dove, ricordi, trasferte (tante), fare-la-mamma-in-videoconferenza, la linea che cade sul Frecciarossa, 5 nuove paia di scarpe, lacrime al profumo di mare, aperitivi in spiaggia, lezioni apprese, non averne mai abbastanza di #quellaBassa, coccole (e caccole), Lui che mi aspetta la sera, kilometri di asfalto sull’A4, aerei e chiacchiere con taxisti per caso, what’s APP notturni, addormentarsi in un albergo qualunque guardando casa dalla finestra di skipe, un ufficio in coworking, prospettive e retrospettive, 5 libri letti, un kindle che profuma di carta, un dito rotto, amici vicini e lontani nel vento, vodka che sa di sale, promesse e speranze, partenza e ritorni e nuovi arrivi, amore e passione, junk food e slow food, viaggiare nella Langhe, focacce e spritz, miraggi, saudade e melanconia, washi tape e melatonina, una balena spiaggiata, scrivere di getto un post di 180 parole.

La meraviglia negli occhi.
Sempre.

Annunci

Di vita in due e in tre…

Apro gli occhi e sono dentro a quella fotografia scattata  900 giorni fa, e dietro ce ne ne è un’altra…e un’altra ancora.
Indosso ho quel vestito di istantanee a due che è stato ridisegnato dall’arrivo di #quellaBassa.. E subito un vortice di ricordi, sapori, freschezza, profumi e colori mi investe…

Ricordi quella volta che guardavamo le nuvole dalla tinozza sulla montagna?
Mi sembra ancora di sentire l’odore della neve portato dal vento…
Immagine

E quella volta in cui scrutavamo il cielo usando le bottiglie di Campari come cannocchiali?
Immagine
[Read more…]

Momento di nostalgia

Momento di nostalgia

Riconnessione in corso…

il cielo su di noiSon passati quasi tre mesi dall’ultimo post..

D-U-E– m-e-s-i… se penso che il blog ha 5 mesi..è in standby dal 50% della sua vita…

Che è successo? [Read more…]

Coraggio o paura

autoCitazioneNottata acida: domande senza risposta con contorno di Nutella al cucchiaio…

Rinchiudere i miei pensieri in un barattolo di formalina da imboscare là sullo scaffale più alto,
fermerà i miei loop mentali?

Chi voglio essere da grande?
Che lavoro voglio fare ?
Resto in Italia perchè credo d’avvero di poter fare la differenza per ricostruire o per paura dell’ignoto?
Facciamo bene a far crescere quellaBassa in un Paese in cui la disoccupazione under30 supera il 41%?

Lui è a letto con 40 di febbre …
Mi starò ammalando anche io o son semplicemente in SPM?

Preparo un’illusione detox di the verde e melatonina.

Notte isola che non c’è.

Pinkie e i washi tape

IMG_8576

Tutto è nato da un messaggio del direttore editoriale di Artlab con su scritto solamente “serve?” e un link…
La mia passione per lo shopping, per lo più online, è nota e non appena ho visto i cartoni a dondolo di Davide Paganotti me ne son innamorata e  ho acquistato subito Annibale per quellaBassa.
Per fortuna mi è stato consegnato venerdì ed è stato la svolta di questo weekend passato a casa ammalate, senza possibilità di rotolare nei prati ancora senza neve…

Grazie ad Annibale si è manifestata infatti in tutto il suo splendore la mia ossessione passione per i washi tape.
Mi hanno contagiato due mamme della rete, la mamma snob e Laura che mi ha illuminato su dove farne scorta, e da quando ho svaligiato  lo shop online su Amazon di Martha Stewart non riesco a fermarmi!
Ho ricoperto la moleskine, le matite per gli schizzi, la cover dell’iphone, la tastiera del mac, la cover dell’iPad e le mollette del bucato e ieri ho sperimentato il loro utilizzo definitivo: con quellaBassa abbiamo trasformato il candido Annibale in Pinky, un elefante indiano coloratissimo e glitterato! [Read more…]

L’ospite indesiderato

Questo post ho iniziato a scriverlo ieri sera, poi son stata interrotta da quellaBassa che ha vomitato sul pavimento per inaugurare il weekend..
Ha proprio il calendario incorporato: non so se negli ultimi due mesi si ammala nei weekend perché inconsciamente sa che almeno sarò presente, o se ha un innato senso dell’ironia che ha preso da Lui..

Ogni volta che si avvicina la fine dell’anno e che inizio a patire il freddo e a vedere spuntare la neve, sono sinceramente convinta che la chiusura dei budget e della produzione sia sempre più “indolore” o che sia l’ultimo anno di nottate-aerei alle 4 del mattina – vita nomade – isterie collettive – cene saltate – rientri mancati… e ogni volta mi smentisco per un’urgenza, un’emergenza, un’unghia rotta…
Il mio lavoro è tentacolare…e mi è sempre andato bene così: faccio ciò che volevo fare da quando ne ho memoria (passata la fase “astronauta” e “pittrice”), ed è l’unica cosa che so fare…
E da quando quellaBassa ha fatto il suo ingresso piroettante ricolorando la mia vita, sto avendo la certezza che i tempi in cui eravamo solo io e Lui, senza necessità di programmare nulla sono e saranno per sempre lontani (non per caso ci siamo sposati a Capodanno a Las Vegas!)…
e quindi? Quindi devo re-immaginare la mia vita e il mio lavoro per far convivere la me-mamma con la me-direttore-creativo.
Se qualcuno ha un’idea, una soluzione me la suggerisca! [Read more…]

un brivido e una cura

Quando ti guardo dormire lo so che rumore fa la felicità…
Buona notte mia isola che non c’è…

Di gelati e occhiali

Serve amore impegno sale
mare freddo caldo
sesso mani morbidezza
scioglievolezza umido lingua.
[Read more…]

Ha detto medda!!!

Gusto gli sgoccioli di un lunedì di quelli che ne capitano due all’anno: un’intera giornata a disegnare senza essere interrotta da mille emergenze…
Io, Lui e quellaBassa decidiamo di passare un paio d’ore con fratelloGratis, in modo che Zia si ricordi come è la vita oltre ai pannolini sporchi 7/7 – 24/24.
[Read more…]