Di crisi domenicali in 180 parole

tv
Cielo grigio, #quellaBassa che fa la nanna piccola e io davanti al Mac in penombra con il mio Illy fumante.
Manca un mese alla fine dell’anno e insieme al calendario dell’Avvento arriva lo spettro dei buoni propositi per l’anno a venire.
Sgrooge ha i suoi fantasmi che arrivano la notte di Natale, io il mio personale che si presenta all’appello con ben 25 giorni di anticipo.
Quella vocina non riesco più a chiuderla là in fondo alla stomaco: lo strappo tra quella che sto diventando e quello che sarei voluta diventare è sempre più grande, #quellaBassa cresce e io son sempre altrove, anche quando non son in trasferta e lavoro isolata in “casa”. [Read more…]

Annunci

Di stirpi creative e altri furti in 80 parole

Pausa caffè delle 18. Il mio corpo contiene  l’80% di acqua e il 20% di caffeina.

Leggo tutto di un fiato e mi perdo in questo post che parla di stirpi creative e altri furti.
Grazie Zelda per i frammenti di magia regalati con delicatezza.

Ho trovato il mio mantra per il 2015:
NON ASPETTARE DI SAPERE CHI SEI PER COMINCIARE”

Grazie per la pausa caffè insieme.

P.S. Il testo originario di Austin Kleon “Ruba come un’artista” è già in download sul Kindle. 🙂

Ruba-come-un-artista

Coraggio o paura

autoCitazioneNottata acida: domande senza risposta con contorno di Nutella al cucchiaio…

Rinchiudere i miei pensieri in un barattolo di formalina da imboscare là sullo scaffale più alto,
fermerà i miei loop mentali?

Chi voglio essere da grande?
Che lavoro voglio fare ?
Resto in Italia perchè credo d’avvero di poter fare la differenza per ricostruire o per paura dell’ignoto?
Facciamo bene a far crescere quellaBassa in un Paese in cui la disoccupazione under30 supera il 41%?

Lui è a letto con 40 di febbre …
Mi starò ammalando anche io o son semplicemente in SPM?

Preparo un’illusione detox di the verde e melatonina.

Notte isola che non c’è.

L’ospite indesiderato

Questo post ho iniziato a scriverlo ieri sera, poi son stata interrotta da quellaBassa che ha vomitato sul pavimento per inaugurare il weekend..
Ha proprio il calendario incorporato: non so se negli ultimi due mesi si ammala nei weekend perché inconsciamente sa che almeno sarò presente, o se ha un innato senso dell’ironia che ha preso da Lui..

Ogni volta che si avvicina la fine dell’anno e che inizio a patire il freddo e a vedere spuntare la neve, sono sinceramente convinta che la chiusura dei budget e della produzione sia sempre più “indolore” o che sia l’ultimo anno di nottate-aerei alle 4 del mattina – vita nomade – isterie collettive – cene saltate – rientri mancati… e ogni volta mi smentisco per un’urgenza, un’emergenza, un’unghia rotta…
Il mio lavoro è tentacolare…e mi è sempre andato bene così: faccio ciò che volevo fare da quando ne ho memoria (passata la fase “astronauta” e “pittrice”), ed è l’unica cosa che so fare…
E da quando quellaBassa ha fatto il suo ingresso piroettante ricolorando la mia vita, sto avendo la certezza che i tempi in cui eravamo solo io e Lui, senza necessità di programmare nulla sono e saranno per sempre lontani (non per caso ci siamo sposati a Capodanno a Las Vegas!)…
e quindi? Quindi devo re-immaginare la mia vita e il mio lavoro per far convivere la me-mamma con la me-direttore-creativo.
Se qualcuno ha un’idea, una soluzione me la suggerisca! [Read more…]

Flessibilità?

Oggi evito i soliti litigi con i treni ritardatari persi e le coincidenze da cardiopalma e lavoro da casa, complice l’assenza di incontri vis a vis con i clienti.

Oggi, dopo che l’aumento dell’IVA ha preso il posto del dibattito Barilla vs Garafalo-mi-piace-vincere-facile-il-banner-non-lo-ho-fatto-io, applico al meglio la flessibilità:
[Read more…]

Con tutte le luci spente…

Mi respiro un po’ a luci spente, con quellaBassa che si è appena addormentata mentre Lui fuma una sigaretta affacciato all’abbaino.
Vedo la luna per la prima volta dopo una settimana: ha uno strano alone che sembra oleoso. Son sicura ci sia un arcobaleno circolare tutt’intorno.
Allucinazioni di una sopravvissuta alla settimana più assurda di sempre?

Settimana fatta di giornate di 42 ore, qualche ettolitro RedBull e altrettanti caffè (grazie macchinetta LaRossa di esistere con le tue cialdine uberWow), e quellaBassa che non comprende perchè la MeMamma non può fare un disegno con lei e per lei.

Settimana di noncelapossofare, risate, isterismi, sdoppiamenti di personalità, masochismo vero che mi porta a immergermi in un lavoro passione fino a perdere di vista i confini, fino ad appannarmi.

Mi hanno fatto delle fotografie: son venute tutte sfuocate.

Questa sera beaujolais e melatonina.

Notte isola che non c’è.

P.S: Di lavoro non salvo vite. Accetto di essere investita di clienti isterici più primadonna di me. Libero pensieri su tovagliolini da bar tra le briciole di un Happy Hour e un bibe.

Saudade

Immagine
3:50 di un lunedì sera qualunque fuoritempo virtuale con quellabassa che si è addormentata eccitata per il rientro al nido dopo un’estate al mare.
Voglio guardare il cielo insieme dalla nostra finestra sul mare mangiando confetti lilla.
Voglio annusarti promettendoti che domani esploreremo il mondo in bici.
Insieme.  [Read more…]