Di crisi domenicali in 180 parole

tv
Cielo grigio, #quellaBassa che fa la nanna piccola e io davanti al Mac in penombra con il mio Illy fumante.
Manca un mese alla fine dell’anno e insieme al calendario dell’Avvento arriva lo spettro dei buoni propositi per l’anno a venire.
Sgrooge ha i suoi fantasmi che arrivano la notte di Natale, io il mio personale che si presenta all’appello con ben 25 giorni di anticipo.
Quella vocina non riesco più a chiuderla là in fondo alla stomaco: lo strappo tra quella che sto diventando e quello che sarei voluta diventare è sempre più grande, #quellaBassa cresce e io son sempre altrove, anche quando non son in trasferta e lavoro isolata in “casa”.

Open book by fireplace.
Ho voglia di semplicità, di un libro senza sensi di colpa, di giocare con #quellaBassa senza guardare le notifiche dell’iPhone, di fare una passeggiata nei campi, di non essere più cancellata dai sui disegni, di evitare di passare le domeniche a modificare offerte per gare d’appalto importantissime…
Che il 2015 sia veramente l’anno del downshifting?
Saluto il mio fantasma riflesso nella tazzina nera bollente: ora vado a svegliare #quellaBassa.

Comments

  1. L’ha ribloggato su The morning later.

  2. Sarà l’anno giusto per il cambiamento,quando lo si vuole realmente ciò che arriva non può che essere migliore!

  3. Francesca says:

    … di non essere più cancellata dai suoi disegni…
    Dovrebbe bastare per convincerti… Vai Ele, ce la puoi fare! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: